PULIZIA E LUCIDATURA DEI DENTI

Con un’igiene corretta possiamo mantenere sani i nostri denti e prolungare la loro vita.  Le pigmentazioni provenienti dai cibi e bevande spesso rimangono alla superficie dei denti, i denti con il tempo diventano sempre più gialli, pieni di tartaro e di placca. Nella bocca aumenta il numero di batterie pericolose per i denti e per tutto l’organismo. Il tartaro dentale comprende depositi duri fatti dalla placca mineralizzata cioè quei depositi bianchi o gialli che si annidano nella zona tra il dente e la gengiva. Si possono vedere soprattutto sul lato interno dei denti anteriori inferiori.
La pulizia e la lucidatura professionale dei denti si consiglia di fare due volte all’anno a tutti, avendo qualche problema o no.

Le persone con dei problemi come il sanguinamento delle gengive, l’accumulo eccessivo di placca e di tartaro, il ritiro delle gengive o le persone incline alla parodontite devono stabilire un piano di trattamento individuale insieme al dentista. Questa è l’unica maniera di prevenire o fermare l’ulteriore sviluppo della malattia o la perdita del dente.

AIR FLOW ®– metodo di pulizia professionale con sabbiatura
Il metodo che elimina con successo le pigmentazioni dalla superficie del dente e previene la formazione di placca e lo sviluppo di carie, gengivite e parodontite. Il procedimento consiste nella pulizia dei denti con la quale si rimuove placca e pigmentazioni dentali grazie all’azione combinata di acqua e polvere di bicarbonato ad alta pressione. La procedura dura circa 30 minuti che dipende dalla quantità di depositi dentali, e dopo la procedura i denti diventano lucidi e meno inclini a un nuovo accumulo della placca e pigmentazioni.

SBIANCAMENTO DEI DENTI


I denti si sbiancano con il gel a base di perossido di idrogeno e perossido di carbamide. Altri additivi servono per la migliore applicazione di gel, migliorano il suo odore e contengono le sostanze che diminuiscono la sensibilità dentale (flour). I prodotti usati si distinguono tra di loro nel concentramento di perossido di carbamide che dipende dal tipo e modo di sbiancamento.

Prima dello sbiancamento si deve necessariamente rimuovere la placca dentale e le pigmentazioni provenienti dai cibi, bevande, tabacco etc. dalla superficie del dente. Già questo procedimento porta a un piccolo cambiamento del colore dentale. Lo sbiancamento ottimale dei denti è per due o tre sfumature. È più efficace lo sbiancamento dei denti più scuri. I denti saranno certamente più bianchi ma si deve avvertire i pazienti che il risultato dello sbiancamento è individuale. L’aspetto finale dipende dalla struttura e materia del dente, dal colore iniziale del dente, dalle abitudini del paziente e dal tipo di prodotto.

Prima

Dopo

 

 

È la procedura che si consiglia fare quando il dente ha cambiato colore a causa della trauma del dente o una precedente cura inadeguata della polpa dentale („nervo“) in cui è avvenuto il sanguinamento all’interno del dente che ha causato la colorazione del dente. Lo sbiancamento interiore si fa solo quando il canale della radice è correttamente riempito e isolato dalla corona del dente. Nella cavità dentale si applica perossido di idrogeno di 25-30%, il dente si chiude e il paziente va a casa. La preparazione rimane nel dente per 3-4 giorni con i controlli regolari.

Nella superficie esterna del dente si applica il gel per lo sbiancamento che aderisce tra lo smalto e sbianca il dente. Ne sono due tipi di sbiancamento esterno: nello studio (tramite laser o Beyond lampada e 35-40% gel di perossido di carbamide) o a casa (con il bite e 10-15% gel di perossido di carbamide).

FACCETTTE DENTALI (VENEERS) O FACCETTE „NO PREP“


Rappresentano un sottile strato di materiale che copre la parte anteriore del dente e cambia colore, forma, dimensione e lunghezza del dente esistente.
Le faccette dentali si fanno sia per ragioni di estetica deteriorata del dente, o per rettificare le sue carenze come ad esempio colore o diastema fra i denti, o per proteggere la superficie del dente da danni.
Sono costituite in ceramica senza metallo che consente alle faccette dentali di imitare denti naturali diventando così un’ottima soluzione protetica. Esse sono un’alternativa alle corone ceramiche grazie ai loro principali vantaggi come la preparazione del dente per faccette, che è molto più conservatore rispetto alla preparazione per la corona ceramica. L’intervento per le facette richiede un po’di anestetico o si può eseguire senza anestesia e può essere una scelta ideale per modificare l’aspetto dei denti anteriori.
Oltre a una minima reduzione con limaggio del dente – circa 0,5 mm, i vantaggi delle faccette sono un aspetto naturale perché la ceramica senza metallo imita lo smalto del dente naturale e riflette la luce allo stesso modo e quindi la facette ha la stessa brillantezza come un dente naturale. Le faccette non si oscurano e sono biocompatibili.

Faccette dentali di ceramica complete, senza limaggio del dente, è oggi un metodo della correzione del sorriso completamente non-invasiva. Indicazioni possibili sono la chiusura del diastema (distanza fra i denti), l’estensione e/o l’allargamento della corona, il rimodellamento dei denti, la correzione della loro posizione, la riparazione di difetti dello smalto o lamodifica di colore. Poiché non c’è la preparazione, all’inizio si prende l’impronta del dente. Se è necessario, prima si può fare il mock-up con il quale si mostra l’effetto desiderato in una data situazione che consente al paziente di ottenere un’immagine del suo aspetto futuro.
Il vantaggio delle „no prep“ faccette dentali è la non-invasività, non c’è limaggio del dente né dolore o bisogno di anestesia che è molto importante per i pazienti. Il processo della fabbricazione delle faccette dentali è molto rapido; ci servono solo due visite dal dentista per finire le faccette – una visita per prendere l’impronta e l’altra per cementarle. È importante accentuare che le faccette dentali si possono rimuovere senza danneggiare il dente del paziente.


 

Prima

Dopo